Tanta vita in quella goccia:
Andrea Vitali e l’Associazione Giulia

A inizio 2016 ho conosciuto una realtà associativa molto forte nella mia città di origine. Si chiama Associazione Giulia Onlus e dagli anni Novanta si occupa di persone in difficoltà, con disagi fisici e psichici. Volevano coronare il lavoro di tanti anni di laboratori e di scrittura di uno dei loro utenti, che è anche socio dell’associazione. Si chiama Pierluigi Dalla Villa e ha scritto dei racconti sulle proprie esperienze di malattia e su quelle di altri, che ha incontrato lungo tutto il suo percorso che dura da quando è piccolo.

Dipinto dell'autore, Pierluigi Dalla Villa
Dipinto dell’autore, Pierluigi Dalla Villa

Questi racconti sono stati da me raccolti, editati assieme all’autore, impaginati e messi assieme alle bellissime illustrazioni di Pierluigi, che ha studiato anche un corso di insegnante d’arte antroposofica e che usa i colori tipici di quella pittura.

Non solo: ho potuto chiedere, grazie alla conoscenza di alcune persone preziose qui a Milano (il giornalista Armando Besio di Repubblica, la editor e giornalista Giovanna Canzi) una nota a uno scrittore di narrativa ben noto in Italia, Andrea Vitali. Al quale va tutta la riconoscenza per aver indicato nel suo scritto alcuni punti salienti della narrazione di Pierluigi.

In preparazione, ora, c’è anche il sito dell’associazione Giulia, nonché un laboratorio di poetry therapy con i pazienti, assieme a due talentuose poetesse. Ma intanto un estratto della nota di Andrea Vitali.

Sulla pagina scritta questo punto esclamativo, o pericolo generico se si vuole perpetuare la fedeltà alla metafora, assume un significato ben diverso: avvisa chi non se n’è mai occupato di tener conto di quanto sia pericoloso non aver mai considerato la potenza della scrittura e della lettura. Ammonisce che chi scrive, come coloro che hanno contribuito a compilare l’antologia che segue, sono esseri per tutto e in tutto uguali al resto dell’umanità: agiscono per sentimenti, comunicano secondo le spinte del proprio animo, usano una delle più antiche arti inventate dall’uomo e ne perpetuano l’universalità.

L’immagine di copertina di questo articolo è dell’autore del libro.

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento