Absolute Poetry 2009, tra lingue minoritarie e dialetti. In attesa de Le Luci della Centrale Elettrica e di Gino Paoli

ZAPPING | Gorizia

Inserito da ntwk il Ven, 09/10/2009 – 12:35

C’è attesa vibrante al Teatro Comunale di Monfalcone. Sì, perchédopo la scoppiettante serata di ieri sera – aperta con l’irriverenza sarcastica di Mary B. Tolusso, la sensualità di Patrizia Valduga, tra parentesi dissacranti in salsa british con Murray Lachlan, la videoarte che si sposa con la poesia nella performance di Maria Valente e il rock sperimentale di altissima qualità, in lingua occitana, dei Sam Karpenia – stasera si raddoppia.

Nell’edizione tutta dedicata aidialetti e alle lingue minoritarie, tutto può succedere. Si possono avere piacevolissime sorprese e rivelazioni artistiche – ricordiamo la performance, nel 2008, dei portoghesi Wordsong, che musicavano poesia di Pessoa e di Al Berto con videoinstallazioni psichedeliche. Ci si può ritrovare a bere un aperitivo con poeti, a discutere di politica e delle nuove tendenze letterarie durante l’intervallo degli spettacoli ,a far assaggiare vini rossi locali ai poeti stranieri. E nessuno è precluso da questi momenti, perché la poesia non resta relegata nei libri, né nei salotti letterari.

Il pubblico accorso alla manifestazione, non solo in teatro ma anche agli incontri pomeridiani sotto la tensostruttura di Piazza dellaRepubblica e in altre sedi, è in grande attesa.

La splendida Yolanda Castaño aprirà la serata del 9 ottobre con le sue poesie in lingua galiziana, sorta di spagnolo più dolce che, in origine, era dello stesso ceppo linguistico del portoghese (gallego-portugués). A seguire, Jimi Lend dall’Austria. Mentre i triestini Matteo Danieli e Furio Pillan, accompagnati dalla musica elettronica dei Baby Gelido, porteranno certamente una nota dissacrante al festival. Taslima Nasreen dal Bangladesh chiuderà la prima parte della serata.

E Tiziano Scarpa, scrittore veneziano, precederà con la suaperformance l’attesissimo Tran Quang Hai, maestro vietnamita delgrandissimo musicista italiano di origine greca Demetrio Stratos.
A chiudere la serata, la straziante poesia di denuncia del disagio umano de Le Luci della Centrale Elettrica, ovvero il giovane Vasco Brondi, ormai noto a un pubblico neanche tanto di nicchia.

Anche il 10 ottobre sono attesi grandi nomi: iltedesco Bastian Böttcher, l’italiano di Chiara Daino in apertura. E aseguire, Hedoi Etxarte, poeta giovanissimo – nato nel 1986 – che farà conoscere al pubblico una lingua totalmente differente da qualsiasialtra lingua conosciuta, la cui origine è misteriosa e che però sipresta con la sua sonorità particolare all’utilizzo in poesia: il basco(euskera). Accompagnato, ça va sans dire, da una colonna sonora popolare, classica, eclettica. Dal Guatemala, a seguire, HumbertoAk’abal. Per chiudere in bellezza con il grande cantautore Gino Paoli, che ha reso popolare negli anni Sessanta una certa poesia musicale quale quella del Cielo in una stanza, tanto per dirne una.

Tutti gli spettacoli iniziano alle 20.45, al Teatro Comunale di Monfalcone, corso del Popolo 20. Per informazioni: www.absolutepoetry.org

Anna Castellari

[Fonte: ntwk.it]

Lascia un commento